Tra le pagine.

Marco si svegliò di scatto quella mattina. Fu uno di quei risvegli dolorosi, simili ad una brusca frenata, ad una caduta dalla sedia, ad un piede in fallo mentre si corre. Sì svegliò con il cuore in gola, come di fretta, come in affanno. Aprì piano gli occhi e si guardò intorno. Non riconosceva bene gli spazi, gli occhi ancora non si erano abituati alla luce. Il letto non è il mio, pensò. Il sapore amaro dell'alcool in bocca...